Game Changers

Game Changers

Circolo Del Design
Candidati

Hai dimenticato la password? Reimpostane una nuova

INTRO

L’Interaction Design Institute di Ivrea, istituto post-laurea, è stato fondato nel 2000 da Olivetti e Telecom Italia. Il suo scopo: immaginare, sviluppare e insegnare una potente combinazione di design, IT e know-how aziendale. I fondatori dell’istituto avevano l’intento di collegare la storia di innovazione tecnologica, eccellenza del design e impatto sulla comunità Olivettiana alle sfide digitali degli anni 2000. L’obiettivo di Adriano Olivetti era: “L’umanizzazione della tecnologia, sia per i suoi utenti che per gli operai che la producono”, e questo stesso obiettivo ha plasmato l’etica educativa e progettuale dell’Interaction Design Institute Ivrea.

Un’esperienza didattica dallo straordinario impatto sulle scuole di design internazionali e una vicenda che ha posto per un periodo la città eporediese al centro della mappa mondiale dell’innovazione, combinando modelli sperimentali di didattica, tradizione culturale e avanguardia progettuale.

LA CALL

Il Circolo del Design lancia l’Open Call Game Changers, per selezionare i progetti che saranno esposti nella sezione Local Impact della mostra Easy as a kiss / Humanizing technology through design.

Il bando si rivolge a progettisti, imprese, associazioni, pubbliche amministrazioni e enti per raccogliere nel territorio piemontese progetti realizzati negli ultimi 15 anni che hanno fatto ricorso all’interaction design: progetti capaci di raccontare i processi di umanizzazione della tecnologia, i metodi dello human-centered design per la gestione della complessità, la focalizzazione progettuale sulla user-experience, la progettazione di un servizio.

L’Open Call rientra nelle attività della mostra “EASY AS A KISS: humanizing technology through design. Vision, story and impact of Interaction Design Institute Ivrea” che verrà inaugurata nel 2021 presso il Circolo del Design.

I progetti selezionati tramite il bando “Game Changers” saranno esposti nella sezione Local Impact della mostra, dedicata a indagare l’impatto culturale e di formazione di competenze cui la scuola ha contribuito, attraverso il racconto delle migliori esperienze del territorio in tema di interaction design.

L’obiettivo della call è anche quello di rappresentare un primo passo verso una mappatura di progetti, risorse e competenze del territorio piemontese che hanno lavorato mettendo l’uomo al centro di serviziesperienze prodotti ad alto valore tecnologico in campi quali ad esempio la produzione, il sociale, la cultura, la sanità, l’ambiente, la mobilità, lo sport, la finanza, l’educazione, il turismo.

La scadenza della Open call è venerdì 15 gennaio 2021 alle ore 12.

Per le selezioni è stata istituita una giuria internazionale composta da:

  • Gillian Crampton Smith, Ex Diretrice Interaction Design Institute di Ivrea
  • Sara Fortunati, Direttrice Circolo del Design
  • Laura Orestano, Direttrice Social Fare, Torino
  • Andrea Pedrina, Local Leader IxDA Milan&Turin, Interaction Design Lead, Fjord
  • Jan-Christoph Zoels, curatore della mostra “Easy as a kiss / Humanizing
    technology through design”

I progetti selezionati saranno presentati all’interno della mostra “Easy as a kiss”. I vincitori saranno contattati entro il 22 gennaio 2021 dal Circolo del Design per acquisire il materiale utile alla messa in mostra del progetto.

Candidati

Hai dimenticato la password? Reimpostane una nuova